sabato , 3 dicembre 2022

Anva Confesercenti Bologna: no al proliferare dei mercati agricoli senza regole precise

La referente Pizzirani: “Sono una concorrenza sleale ai mercati settimanali e a quelli rionali”

«Questi mercati dei prodotti agricoli possono vendere gli stessi prodotti dei negozianti di ortofrutta, ma con un regolamento diverso e a condizioni molto più vantaggiose». Questo il commento di Manuela Pizzirani, referente dell’Anva (Associazione nazionale venditori ambulanti) Confesercenti Bologna, all’indomani del varo da parte della Giunta comunale di Bologna delle nuove 17 aree attrezzate per ospitare i mercati agricoli in centro storico e in alcune zone strategiche della periferia. La delibera di Giunta arriva dopo l’approvazione da parte del Consiglio comunale del Regolamento per lo svolgimento dei mercati di vendita diretta di prodotti agricoli. Ed ecco, punto per punto, le questioni contestate da Anva-Confesercenti Bologna. Diffusione dei mercati contadini. «Ormai – rivela Pizzirani – è una realtà in via di diffusione su tutto il territorio metropolitano. In città a Bologna se ne contano una ventina. Animati sempre dagli stessi operatori che girano di mercato in mercato. Come fanno gli ambulanti, nostri associati».

Prodotti a chilometri zero e prodotti provenienti da altri fondi agricoli. «L’idea di acquistare prodotti a km zero o da filiera corta – puntualizza Pizirani – incontra il favore dei cittadini. Ma su questa modalità di commercio è bene puntualizzare alcuni aspetti. In primo luogo preciso che gli agricoltori sono autorizzati a vendere anche prodotti non provenienti dalle loro coltivazioni oppure possono acquistare prodotti di altri fondi agricoli, per poi rivenderli. In questo modo si comportano come tutti i commercianti, però usufruiscono di agevolazioni fiscali rilevanti che non sono previste nel settore del commercio».

Figura del contadino. «Negli ultimi anni – ricorda Pizzirani – ha assunto una dimensione molto diversa da come ce lo siamo sempre immaginata. È quanto avviene, ad esempio, nelle aziende vitivinicole dei Colli bolognesi, tra i produttori di cipolle della bassa, pesche, verdure, eccetera».
Prezzi più alti. «Proprio perché mercati contadini – commenta Pizzirani – quelli degli agricoltori rivendicano la loro produzione come prodotto della terra e spesso applicano prezzi più alti rispetto a quelli praticati nei mercati ordinari. Di fatto, i mercati contadini si pongono in concorrenza ai mercati ordinari settimanali. Per questo ci teniamo a ribadire che i mercati agricoli non si tengano vicino ai mercati rionali, nello stesso luogo o in concomitanza in mercati settimanali».

Nuovo regolamento e Certificazione biologica. «Plaudiamo al fatto – precisa Pizzirani – che, sostituendo quello precedente, il nuovo regolamento puntualizzi temi importanti come la qualità, il prezzo e la sicurezza alimentare. Ma chiediamo controlli e massima attenzione sulla Certificazione biologica. Non deve essere lasciata all’autocertificazione, ma dimostrata con tanto di documentazione da parte di enti preposti come chiesto dall’articolo 3, punto 6, comma f del Regolamento che parla esplicitamente di “prodotti biologici certificati”».
Somministrazione e consumo dei prodotti. «Il punto 4 dell’articolo 7 del Regolamento – annota Pizzirani – dice che “il consumo sul posto” non deve prevedere cotture di alimenti per evitare problemi di carattere igienico-sanitario. In pratica, bisogna evitare situazioni come, ad esempio, quella del Mercato Ritrovato di Azzo Gardino, dove si somministrano regolarmente cibi cotti al momento! Progetto sicuramente ben riuscito ma che prevede anche la presenza di aziende che non appartengono al settore dei produttori agricoli e chi ne ha le possibilità effettua la somministrazione con cottura!».

Scroll To Top

-Secure checked 2018-